Agricoltura biologica – Fa bene alla natura, fa bene a te.

Castagne fresche

Descrizione:

Le principali varietà coltivate in Piemonte sono:

  • marroni: Marroni di Chiusa di Pesio, Marroni della Valle Pellice e Marroni di Susa;
  • castagne per consumo fresco: Castagne della Madonna, Garrone Rosso, Garrone Nero e Bracalla (nel cuneese);
  • castagne secche e farine: Gabbiana, Frattona (Val Tanaro), Gioviasca e Pelosa (Provincia di Torino).

Origine:

non si conosce la sua esatta provenienza; il castagno è probabilmente originario dell’Asia minore e dell’Europa meridionale. In Italia sono presenti  circa trecento varietà. Oltre alle cultivar del castagno europeo esistono, tuttavia, anche ibridi eurogiapponesi   e entità appartenenti al castagno  giapponese. La specie europea viene utilizzata sia per i frutti sia per il legno, mentre le specie orientali sono utilizzate prevalentemente per il frutto.

Il frutto:

achenio con pericarpo liscio e coriaceo di colore bruno scuro. Alla base è presente una cicatrice chiara (denominata ilo), mentre all’apice i resti degli stili (torcia).

Maturazione:

30 settembre – 31 dicembre (marroni e castagne).

Sapore:

dolce e delicato.

Curiosità:

detto anche “albero del pane”, il castagno ha rappresentato per secoli un importante risorsa alimentare per le montagne piemontesi, integrando la scarsa disponibilità di cereali.

Fa bene perché:

le castagne sono dei frutti molto nutrienti in grado di fornire un elevato apporto calorico. Essendo altamente energetiche sono consigliabili per  gli sportivi e coloro che effettuano un’attività fisica dispendiosa. Contengono proteine vegetali, vitamine (B1 e B2) e sali minerali (potassio, fosforo e calcio). Sono ricche di fibre e di zuccheri facilmente assimilabili che le rendono facilmente digeribili. La farina di castagne, essendo priva di glutine, può essere utilizzata nella preparazione di prodotti da forno per i soggetti che presentano intolleranze ai cereali.

Categoria :

Gen
Feb
Mar
Apr
Mag
Giu
Lug
Ago
Set
Ott
Nov
Dic